Frankenstein PDF

Il personaggio di Victor Frankenstein il quale non è mai esistito, così come quello della sua creatura, nacque dalla penna di Mary Frankenstein PDF presso il Lago di Ginevra, nell’estate piovosa del 1816. Nella sua opera su Frankenstein, Radu Florescu descrisse un dettaglio importantissimo riguardo ad un viaggio dell’autrice in Svizzera nel quale avrebbe preso l’ispirazione del personaggio di Victor.


Edition commentée d’un classique de la littérature de genre, par J. P. Naugrette, qui a réalisé pour la Pochothèque l’édition du volume Poe.

Letteralmente, in lingua tedesca, il nome di Frankenstein significa « roccaforte degli uomini liberi ». Mühltal, Assia, o Castello di Frankenstein in Frankenstein, Palatinato. L’appassionato e quasi reverenziale attaccamento che tutti le mostravano divenne, poiché lo condividevo, il mio orgoglio e la mia delizia. Il pomeriggio precedente al suo arrivo in casa nostra, mia madre mi aveva detto giocosamente: Ho un piccolo dono per il mio Victor, domani lo vedrai.

Elizabeth diviene la compagna di giochi di Victor, sebbene i due dimostrino personalità totalmente opposte. Victor è, infatti, totalmente immerso nei suoi studi e nelle sue ricerche, mentre Elizabeth è più propensa a divertirsi e ad ammirare i meravigliosi paesaggi svizzeri. Alla nascita del secondogenito della famiglia Frankenstein, Ernest, più giovane di Victor di sette anni, questa si stabilisce definitivamente in una casa a Ginevra. Victor manifesta indifferenza nei suoi compagni di scuola, tentando sempre di evitare la folla a causa del suo temperamento appartato. All’età di quindici anni, Victor assiste ad un tremendo e violentissimo temporale, nel quale un fulmine colpisce una quercia ad una ventina di yard dalla casa dei Frankenstein, squarciandola in sottili strisce di legno. All’età di diciassette anni, Victor è in partenza per l’università di Ingolstadt.

Tuttavia, poco prima del suo viaggio, assiste alla morte di sua madre a causa di una lieve forma di scarlattina. Questo evento lo sconvolge profondamente e decide di rimandare la sua partenza per Ingolstadt di alcune settimane. L’avevo desiderato con intensità smodata, ma ora che avevo raggiunto la meta il fascino del sogno svaniva, orrore e disgusto infiniti mi riempivano il cuore. Fuggito dal suo laboratorio, Victor si rifugia in una locanda dove incontra, poco dopo, il suo carissimo amico Henry, giunto ad Ingolstadt per incontrarlo.